Condividi su Facebook

Verso l’allestimento di un "Percorso culturale dei segni di devozione"

L’Ecomuseo Valmalenco amplia la sua attività con visite guidate alla scoperta e alla lettura della rappresentazione religiosa.

 

Oltre ad essere espressione di devozione popolare, i capitelli votivi e le edicole religiose costituiscono una testimonianza storica ed artistica molto significativa. Il lavoro di restauro conservativo condotto in questi ultimi mesi dal restauratore Giorgio Baruta su alcuni di questi manufatti presenti nel Comune di Lanzada, oltre ad aver riportato alla luce immagini e dipinti pressoché sconosciuti, ha aperto una nuova pagina sulla storia della pietà popolare in Valmalenco e costituisce un primo passo verso l’allestimento di un "Percorso culturale dei segni di devozione" visitabile lungo gli antichi nuclei storici della Valle.

 

Per conoscere gli esiti degli ultimi restauri, guardate l'allegato o visitate il sito http://www.ecomuseovalmalenco.it/