Messa in sicurezza S.Romerio

Già la prima fase delle analisi effettuate ha consentito di ottenere un rilevante risultato: è stato infatti evidenziato lo stato di dissesto del contrafforte principale posto alla base della chiesa verso lo strapiombo, che presenta marcati fenomeni di fuori piombo e un’ampia breccia in continuo progresso. Un rilevante fuori piombo è stato evidenziato anche dal contrafforte secondario posto a sud-ovest del precedente, anche se la documentazione fotografica fornita dall’archivio del Servizio Monumenti Grigioni ha messo in evidenza il fatto che rispetto al 1977 quest’ultimo dissesto non è progredito in modo significativo.
Le considerazioni svolte hanno evidenziato la sicura dipendenza dell’evoluzione del dissesto del contrafforte principale dalla cattiva realizzazione della testa del muro, che non previene l’infiltrazione alle sue spalle dell’acqua meterorica e soprattutto di scioglimento della neve, provocando la lenta disgregazione della muratura. In accordo con il Servizio Monumenti si è scelto di intervenire proteggendo in via provvisionale il muro mediante un telo impermeabile, collocato in opera operando con sistemi di accesso e di posizionamento mediante funi. La messa in sicurezza è stata effettuata con procedure di pronto intervento nel mese di ottobre 2013.