Indagini strutturali

Sulle strutture murarie del Castel Masegra è stata effettuata una articolata campagna di indagine diagnostica strutturale volta a caratterizzare accuratamente il comportamento statico e sismico dell’edificio.
Per determinare le caratteristiche delle murature sono stati realizzati sondaggi meccanici a carotaggio continuo nelle strutture di fondazione allo scopo di analizzare i materiali costituenti gli elementi strutturali e determinare il piano di imposta della muratura e sondaggi meccanici a carotaggio continuo nelle murature in elevazione, allo scopo di individuare la stratigrafia nello spessore murario ed i materiali utilizzati. Le informazioni acquisite attraverso la descrizione del materiale estratto sono poi state implementate attraverso rilievi con video-endoscopio a colori nei fori di sondaggio
Lo stato di sollecitazione locale è stato misurato utilizzando un martinetto piatto, che consente di rilevare la variazione dello stato tensionale provocata da un taglio piano di limitate dimensioni in un punto della muratura; l’inserimento di un secondo martinetto piatto parallelo al primo ha consentito di determinare le caratteristiche di deformabilità e di resistenza della muratura stessa. Le informazioni così acquisite per via diretta sono state poi integrate per via indiretta mediante misure della velocità di propagazione degli impulsi sonici effettuate per trasparenza. In alcuni casi queste misure sono state interpretate con metodi tomografici ottenendo una rappresentazione del gradiente di velocità soniche nella sezione.
Per verificare la sicurezza strutturale di alcune delle volte dell’edificio è stato rilevato lo stato di sollecitazione delle catene mediante prove di vibrazione. In alcuni punti è stato inoltre determinato lo spessore degli strati di pavimentazione (struttura, rinfianchi e finitura). Questi dati hanno consentito di ottenere le informazioni geometriche necessarie per effettuare l’analisi limite delle strutture voltate.
Le caratteristiche degli elementi in legno della copertura sono state infine oggetto di analisi preliminare mediante battitura con martello e punteruolo e di ispezione visuale. E’ stato così possibile circoscrivere le zone che presentavano segni di degrado (effettivo o incipiente) nelle quali è stata effettuata una analisi più approfondita mediante strumentazione penetrometrica (resistograph).