Il paesaggio dei terrazzamenti

Modulo 1

Il primo modulo ha alternato voci autorevoli nella disamina dei vari aspetti che compongono e caratterizzano il paesaggio dei terrazzamenti del versante retico valtellinese. Nella prima giornata di studio Luisa Bonesio, dell’Università degli Studi di Pavia, ha proposto interessanti spunti di riflessione circa l’identità del paesaggio culturale valtellinese; Mariolina Besio, dell’Università degli Studi di Genova, ha affrontato il tema riguardante la lettura e l’interpretazione del paesaggio terrazzato, mentre Donatella Murtas, dell’Alleanza Mondiale per i Paesaggi Terrazzati, ne ha messo in luce i significati e la loro attualità.
La seconda giornata, a cura di Luca Bonardi dell’Università degli Studi di Milano, ha posto al centro il tema degli aspetti storici e geomorfologici del versante terrazzato con un contributo dedicato ai paesaggi e alle peculiarità dei terrazzamenti vitati. Guglielmo Scaramellini, dell’Università degli Studi di Milano, ha presentato un'introduzione storica ed economica ai vigneti valtellinesi mentre Tiziana Apuani e Marco Masetti, dell’Università degli Studi di Milano, hanno illustrato le principali problematiche idrogeologiche e di stabilità dei versanti terrazzati.
L’ultima giornata del corso è stata infine focalizzata sul tema della viticoltura nelle aree montane, rivolgendo un’attenzione specifica alla sua valorizzazione, agli aspetti agroecologici e vitienologici, per arrivare all’analisi di esperienze di gestione attuate in altri contesti territoriali, fra cui quella della Val di Cembra. Hanno partecipato qualificati relatori quali Roberto Gaudio del Centro di Ricerca, Studi e Valorizzazione per la Viticoltura Montana, Osvaldo Failla dell’Università degli Studi di Milano e Damiano Zanotelli della Libera Università di Bolzano.
Lungi da rimanere un momento teorico, il corso di formazione non si è avvalso soltanto di testimonianze dirette di docenti e esperti, ma è stato animato anche da dibattiti e confronti, oltre che da visite dedicate ai luoghi di studio. In questa logica gli incontri sono stati organizzati in tre sedi diverse: Castel Masegra di Sondrio, l’azienda agricola La Gatta di Bianzone e l’azienda agricola Sesterzio di Berbenno, quale ulteriore opportunità per conoscere le caratteristiche del territorio a partire dall’esperienza diretta dei luoghi.